Le donne cattoliche parlano di abusi sessuali e invocano il cambiamento


29 novembre 2018

Voices of Faith ha ideato e organizzato l’evento “Overcoming Silence – Women’s Voices in the Abuse Crisis” [Superare il silenzio – Le voci delle donne nella crisi degli abusi] che si è tenuto a Roma il 27 novembre 2018 con la partecipazione di diverse voci di donne esperte, alcune delle quali hanno esperienza personale di abusi clericali nella Chiesa cattolica. In seguito all’evento sono state formulate, inoltre, tre raccomandazioni chiave per l’incontro dei Presidenti delle Conferenze Episcopali che si svolgerà a Roma a febbraio.

Nel suo discorso di apertura, la prof.ssa Cettina Millitello (Italia), ha chiesto alla Chiesa cattolica di praticare “l’onestà ecclesiale” e di riflettere profondamente sulle strutture di potere che nella Chiesa perpetuano il patriarcato e l’abuso.

Barbara Dorris (USA), la dott.ssa Rocio Figueroa (Perù / Nuova Zelanda) e Doris Wagner (Germania) hanno condiviso resoconti personali degli abusi subiti e della resistenza che hanno incontrato quando hanno cercato di denunciarli nel loro sforzo di cercare giustizia. Figueroa è stata superiora del ramo femminile del movimento peruviano laico Sodalicio e ha lavorato per cinque anni presso il Pontificio Consiglio dei Laici. Ha raccontato come, nel corso degli anni, ha scoperto un numero crescente di vittime sia del Fondatore sia del Vicario del movimento Sodalicio. È stata etichettata come “guastafeste” e “pazza” quando ha tentato di denunciarli. Wagner ha raccontato, invece, che due uomini che la abusavano quando era una giovane suora nella comunità religiosa “Famiglia Spirituale l’Opera” a Roma, sono ancora preti, uno di loro impiegato nella Congregazione per la Dottrina della Fede. Riflettendo sulla sua esperienza, Wagner ha affermato che uno dei motivi principali per cui l’abuso sessuale continua a essere diffuso nella Chiesa cattolica è la mancanza di “una vera separazione del potere nella Chiesa”.

Nella tavola rotonda moderata da Robert Mickens (redattore capo de La Croix International), Virginia Saldanha (India), Mary Hallay-Witte (Germania / Irlanda), Barbara Dorris (Stati Uniti) e la dott.ssa Rocio Figueroa (Perù / Nuovo Zelanda) hanno discusso a proposito degli ostacoli istituzionali e delle possibili soluzioni strutturali alla crisi globale degli abusi sessuali nella Chiesa.

Dorris ha sostenuto che i predatori sessuali esistono in tutti i settori della società, ma la Chiesa cattolica fallisce nel coprire i casi di abuso denunciati. Figueroa ha sottolineato che così come i problemi nel trattare gli abusi nella Chiesa sono strutturali, così anche le voci delle donne sono messe a tacere, perché nella Chiesa non hanno un ruolo ufficiale nel processo decisionale. Inoltre, ha attirato l’attenzione sul clericalismo: “La Chiesa respira con un solo polmone, il clero, e sta soffocando”.

Hallay-Witte, che guida gli sforzi di prevenzione nella diocesi di Amburgo in Germania, chiede di affrontare la questione della violenza strutturale nella Chiesa. Ha rivolto un appello ai funzionari della Chiesa ad ascoltare le vittime e a invitare al prossimo incontro dei Presidenti delle Conferenze Episcopali donne coinvolte come quelle presenti a questo evento. Proseguendo su questo punto, Saldanha ha sottolineato la necessità dell’eterogeneità delle donne invitate a eventi ufficiali, come sinodi e incontri vaticani, aggiungendo che in futuro il 50% di coloro che prendono decisioni nella Chiesa dovrebbero essere donne.

Basandosi sull’analisi e sulle esperienze delle donne che hanno partecipato all’evento, Voices of Faith richiede un’azione urgente sui seguenti punti, in vista del prossimo incontro dei Presidenti delle Conferenze Episcopali a febbraio a Roma:

1. Rendere pubblici, almeno sei settimane prima dell’inizio della riunione, un elenco completo dei partecipanti, le loro credenziali e l’ordine del giorno della riunione;

2. Rendere pubblici tutti i procedimenti e le votazioni su qualsiasi documento durante la riunione al fine di facilitare la trasparenza;

3. Invito alla partecipazione e all’ascolto delle diverse voci delle donne sopravvissute agli abusi, alle quali è necessario dedicare un tempo, come a quelle che hanno parlato a Roma il 27 novembre 2018. Le voci delle donne sono fondamentali per far sì che sia credibile qualsiasi tentativo di fermare e prevenire gli abusi.

Su Voices of Faith
Voices of Faith lavora per una Chiesa Cattolica profetica dove possano contare le voci delle donne, attraverso la loro partecipazione su un piano di parità con gli uomini e con l’obiettivo di promuovere la loro leadership nella Chiesa. Per saperne di più: www.voicesoffaith.org


La videoregistrazione completa dell’evento “Overcoming Silence – Women’s Voices in the Abuse Crisis” sarà presto disponibile sul canale YouTube di Voices of Faith e sui social media.

Per maggiori informazioni su Voices of Faith si prega di contattare:

Zuzanna Flisowska

General Manager, Rome
E: zuzanna.flisowska@voicesoffaith.org

M: +39 351 523 4217

W: www.voicesoffaith.org