Dichiarazione di Voices of Faith sulla lettera del comitato preparatorio ai partecipanti alla riunione del Capo dei vescovi di febbraio sull'abuso clericale


Il Vaticano ha pubblicato la Lettera dei Membri del Comitato organizzativo rivolta ai partecipanti all’incontro “La protezione dei minori nella Chiesa”.

Apprezziamo che questa lettera sia stata resa pubblica: è un passo verso quella trasparenza che è così urgentemente necessaria rispetto alla risposta della Chiesa alla crisi degli abusi. È diventato molto chiaro che da sola la gerarchia non risolverà questo problema, poiché la crisi coinvolge lo stesso potere gerarchico della Chiesa e il modo in cui esso ha nascosto il problema per decenni.

Questo è il motivo per cui siamo sorprese e deluse nel vedere che il questionario menzionato nella lettera rimane ancora riservato. Non sappiamo ancora quali sono le questioni e le domande esatte di cui i vescovi hanno intenzione di occuparsi durante l'incontro di febbraio. Noi, Chiesa, abbiamo bisogno di sapere con urgenza in che modo i vescovi invitati e il comitato stesso comprendono esattamente il problema della crisi degli abusi e in che modo hanno intenzione di affrontarlo. Noi, Chiesa, abbiamo urgente bisogno di conoscere l'ordine preciso dell'incontro di febbraio.

La lettera menziona, inoltre, la necessità che prima della riunione di febbraio ogni vescovo incontri, nella propria regione, le vittime degli abusi. È di fatto una questione cruciale, ma evidentemente il solo incoraggiamento non basta. Vorremmo vedere tale consultazione non solo come obbligatoria per tutti i partecipanti all’incontro di febbraio, ma anche come punto all'ordine del giorno dell’incontro stesso. Senza iniziare con il dare ascolto sincero e attento alle vittime e agli esperti che lavorano con loro, nessun incontro dei vescovi porterà un cambiamento. Le vittime hanno bisogno di tempo, attenzione e comprensione. Le vittime hanno finalmente bisogno di giustizia!



BlogSteph LorenzoblogComment